• 846

  • 847

  • 848

  • 849

  • 850

Il nuovo Parco Acque è la grande novità che dalla scorsa primavera il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio riserva ai
suoi ospiti.
Più che la ristrutturazione dell’area wellness, il lavoro si può definire il risultato
di un lungo viaggio introspettivo che ha come meta il relax inteso come capacità di fermare il tempo. Far convivere
armoniosamente una struttura dall’antica matrice (un convento del XVII secolo) col design e le tecnologie del futuro, è
una scommessa che il vecchio continente si trova molto spesso a giocare e che l’architetto ha vinto lavorando
sul concetto di meraviglia.
Il lavoro può quindi essere definito un “nodo di memoria e di memorie”, un fitto intreccio di storie e di verità passate,
presenti e future intrise della storicità e del genio di un luogo al di qua e al di là del tempo come è Gubbio.
Entrando nel Parco Acque ci troviamo in una prima zona benessere con piscine nella quale, “ la matrice fluida e multiforme dell’acqua è meravigliosamente esaltata dagli interni accesi, ludici e intplasmano su quello stesso mondo che vogliono plasmare con sincerità, emozione e intelletto”.